Per chi fosse interessato a capire l’occupazione di banda di un’applicazione tanto innovativa quale è Joost ecco un interessantissimo articolo (in lingua inglese) dal blog ufficiale del progetto.