Formazioni

Sangano Five: 1 Costabil, 2 Tiozzo, 3, Rodofili, 4 Santandrea, 6 Porcelli, 7 De Maria, 8 Pistillo, 9 Bongiovanni, 10 Gallina (Cap), 11 Leone, 12 Cannillo All. Spiga

CRD Torino C5: 1 Costa, 5 D’Avanzo, 8 Dal Re, 9 Di Filippo, 10 Moramarco, 12 Fulgheri, 19, Gasbarroni, 20 Ariafina (Cap), 77 Coppola All. Zaglio

Marcatori

Sangano Five: De Maria, Gallina (3), Leone (2)

CRD Torino C5: Ariafina, D’Avanzo, Dal Re, Gasbarroni

Ammonizioni/Espulsioni: De Maria (a) (Sangano) Moramarco (a) Ariafina (a) Coppola (e) (CRD)

Commento

Partita vibrante e piena di emozioni fra le due compagini del CRD Torino C5, voglioso di recuperare i punti persi all’andata ed il Sangano Five, alla ricerca della sua seconda vittoria in campionato. Ha la meglio il Sangano per 6-4 dopo un primo tempo chiuso sul 2-2 con due tiri liberi sbagliati da parte di Moramarco e Coppola per il CRD. Il secondo tempo si apre con il Sangano che si porta in pochi minuti a +2 e che mantiene il vantaggio fino alla fine. A fine partita si possono contare 4 pali per il Sangano e numerosissime palle gol per il CRD con i due portieri Costa e Costabil assoluti protagonisti.

Mister Zaglio a fine partita ha così commentato: “La vittoria del Sangano di mister Spiga è assolutamente meritata anche se avrei voluto giocarmi il secondo tempo con il + 2 per noi buttando dentro i tiri liberi. Non sono convintissimo che il Sangano a quel punto sarebbe riuscito a riprenderci. Detto questo devo dire che la nostra fase offensiva oggi mi è piaciuta, anche se sbagliamo ancora troppo sotto porta. Buono il passaggio da 3-1 a 2-2 e le diagonali offensive dei laterali. Quello che proprio non mi è piaciuto è la fase difensiva ,con tutti i ragazzi troppo svagati sulla marcatura. Nei primi 15 minuti del secondo tempo non siamo scesi in campo e vorrei capire il perchè. Più che un problema di difesa a uomo o a zona qui mi sembra di vedere una difesa a “voragine”, dove si fa di tutto per mettere l’avversario nelle migliori condizioni per poter tirare a rete o passare ad un compagno solo. Dobbiamo crescere ed in fretta. E’ ormai passato tutto il girone di andata e mi aspettavo che certi movimenti difensivi fossero ormai assimilati. Certamente mi sbagliavo ed a questo punto nelle prossime settimane lavoreremo molto per migliorare la fase difensiva. L’espulsione di Coppola mi ha fatto imbestialire: non ci si può far cacciare per proteste anche se c’era un fallo a suo favore. La sua espulsione ci ha messo in grossa difficoltà, anche se siamo stati bravi a non prendere gol in inferiorità numerica. Eravamo in un momento di forte pressione sul Sangano e l’espulsione gli ha permesso di rifiatare e riorganizzarsi. Il ragazzo deve assolutamente capire che certi gesti sono assurdi e controproducenti sia per lui che per i suoi compagni.”