Allora mister da dove cominciamo?

Zaglio: “Direi di partire dalla notizia. Come penso tutti già sapranno il prossimo anno non sarò più l’allenatore della Juniores del CRD Torino C5. La squadra sarà affidata a mister Barbera che per problemi personali ha dovuto rinunciare alla guida della prima squadra”

Ma come mister? Dopo dei risultati sportivi assolutamente di livello se ne va?

Zaglio: “In realtà mi è stato proposto di rimanere prima come secondo di Barbera e poi, dopo che ho rifiutato, come figura dirigenziale. Anche in questo caso ho ringraziato ma ho declinato l’offerta”

Ci può spiegare il perchè di questo divorzio (se di divorzio si può parlare)?

Zaglio: “Più che di un divorzio parlerei di una separazione consensuale. Con il presidente Sergio Nicola, con i dirigenti e con il mister Barbera non c’è mai stata nessuna vera discussione. Certo su alcune decsioni non tutti si può essere d’accordo. Ma io personalmente devo solo ringraziare il presidente e Piero Barbera per l’opportunità che mi è stata offerta quest’anno. Hanno avuto certamente coraggio ad affidare un un esordiente fresco di corso da allenatore la guida della juniores. Io, dal canto mio, penso di aver fatto, grazie anche al mio secondo Deramo, a Massimo Barbuto, a Gerry Iappica, a Alessandro D’Incau, a Tonino Gasbarroni, una grande annata. Siamo arrivati quarti nel girone più difficile solo dietro a corazzate quali l’Aosta (campione nazionale), I Bassotti, lo Sporting Rosta (con cui però vorrei rigiocarmi la doppia sfida) giungendo ai play-off e dietro a Torino e Bassoti ai play-off facendo di fatto diventare la juniores del CRD Torino C5 la 5a squadra assoluta del girone Piemonte e Valle d’Aosta. A inizio anno avremmo tutti firmato per un risultato del genere considerando che a fine Agosto la rosa contava solo 6 ragazzi.”

Ok però a questo punto diventa tutto ancora più complicato: perchè l’allenatore della 5a squadra del girone Juniores di Piemonte e Valle d’Aosta non allena più la sua squadra?

Zaglio: “Ottima domanda. Non c’è un motivo specifico ma una concatenazione di motivi: io non sentivo più la completa fiducia da parte della società ed in alcuni momenti sono stato di fatto bypassato, mister Barbera non poteva più seguire la prima squadra per motivi personali ed era giusto che seguisse la juniores più altre piccole cose”

Il prossimo anno?

Zaglio: “La decisione più difficile l’ho presa nell’ultima settimana ed era se continuare o no l’esperienza come mister. Una volta che ho deciso di continuare fortunatamente mi tocca solo scegliere dove. Ho un paio di offerte che sto valutando ed a breve incomincerò una nuova esperienza. Per ora mi godo il torneo Crocetta che sta per iniziare augurando ai miei ex ragazzi di fare una grande figura e dimostrare a tutti quelle che valgono. Mi spiace non poterli seguire durante il torneo, preferisco che lo facciano Barbera e Deramo, ma voglio che sappiano che l’iscrizione a questo torneo è il mio regalo per ringraziarli della splendida annata che mi hanno regalato.”

Allora mister arrivederci o addio?

Zaglio: “Arrivederci. Come le dicevo prima non si sa mai nella vita”