Archive for December, 2009

Calcetto e meritocrazia

0

Riporto una mail scritta da Mirko Trasciatti, uno dei soci fondatori di Fubles, e pubblicata su “Italians” di Beppe Severgnini, rubrica del Corriere.it, che mi sento di condividere in pieno.

Calcetto e meritocrazia

Caro Beppe, io mi immagino le pizzate fra Italians come una formidabile occasione per ricreare all’estero l’atmosfera tipicamente italiana del convivio. Una situazione seconda solamente ad una partita di calcetto. Già, perché per me ci sono pochi posti come il campo da calcio dove noi italiani troviamo l’occasione di riconoscerci e di dare il meglio. Salvo pochi casi, sul campo vince il migliore e, alla faccia dello stereotipo che ci vuole opportunisti e rinunciatari, gli italiani amano terribilmente essere i migliori, siamo competitivi e non solo, siamo anche e soprattutto dei vincenti. Basta metterci nelle condizioni di giocarcela ad armi pari, con regole chiare e valide per tutti. Quando si gioca una partita di calcetto ci si presenta in campo spogliati di ogni sovrastruttura o status symbol. Le lauree, i titoli, i vestiti le macchine e le “accompagnatrici” restano per loro natura confinati fuori dal campo e non potranno in alcun modo aiutare la propria prestazione. Nel calcetto persino saper parlare e’ un optional, e la mobilita’ sociale non ha eguali. In campo la gerarchia si azzera, e tutto poggia sui piedi, la grinta, l’intelligenza e lo stile con cui ci si relaziona con compagni e avversari. In pochi gesti viene fuori la personalita’ di ciascuno, e a ciascuno viene riconosciuta invariabilmente lo status e la considerazione che si merita. Non c’è bisogno di essere i più forti sul campo per essere i migliori. Non si riduce mai al semplice “più bravo” “meno bravo”, ma entrano in gioco tutte quelle sfaccetture della personalità, che emergono sul campo e che spesso hanno riscontro nella vita reale. La vanità, la superbia o la stoltezza così come l’intelligenza, l’impegno e la correttezza sono tutti tratti che forse si possono nascondere o vendere nella vita reale… ma non in un campo di calcetto. P.s sono co-fondatore di un sito protagonista in Italia di un fenomeno del tutto nuovo: lo sport sharing. Migliaia di ragazzi che si trovano per giocare!

Mirko Trasciatti

Il mio regalo di Natale? Un assaggio di Google 2010

0

Sembra proprio ci siano interessanti novità per gli utenti Google nel 2010.

Nuova veste grafica (nascosta al momento ma raggiungibile grazie ad un trucchetto) e un misterioso countdown che riporta la data 01/01/2010.

Per attivare il tutto andate su http://www.google.com/ncr e inserite questo codice nella barra degll’url (dovete inserire “solo” questo codice senza http:ecc) e premere INVIO:

javascript:void(document.cookie=”PREF=ID=20b6e4c2f44943bb:U=4bf292d46faad806:TM=1249677602:LM=1257919388:S=odm0Ys-53ZueXfZG;path=/;domain=.google.com”);

(tranquilli non è un exploit!)

Fatto ciò ritornate a http://www.google.com/ncr e vedrete la nuova interfaccia.

Per attivare il countdown invece basterà lasciare vuoto il campo di ricerca e cliccare su “I’m Feeling Lucky” (“Mi sento fortunato”)

Qui sotto qualche immagine

PS: Buon Natale a tutti!

Le sette cose che mi vengono in mente guardando i “Search Results” 2009

1

Benchè la fine del 2009 sia distante ancora una ventina di giorni, Google ha pubblicato il suo Zeitgeist, la classifica annuale delle ricerche più popolari su internet. Naturalmente Yahoo e Bing hanno seguito Google a ruota pubblicando anche i loro.

Non è certamente una sorpresa che Michael Jackson sia stato il vincitore di questa speciale classifica e tutti e tre i principali motori di ricerca lo mostrano chiaramente.

A parte il Re del Pop (oltre che Re delle Ricerche), i motori di ricerca non sono molto concordi su quali sono le query di ricerca più popolari del 2009.

Come comparare i loro risultati e, soprattutto, cosa possiamo capire dei loro utenti?

Legenda:
Rosso: Pop Culture
Blu: Social Media

Google Zeitgeist 2009:

Google Chart

Analisi delle ricerche su Google

  1. Michael Jackson
  2. Facebook
  3. Tuenti
  4. Twitter
  5. Sanalika
  6. New Moon
  7. Lady Gaga
  8. Windows 7
  9. Dantri.com.vn
  10. Torpedo gratis

(Sanalika è una specie di Second Life turco, Dantri è un nuovo sito vietnamita, e Torpedo Gratis è un servizio online di SMS brasiliano).

Ecco la lista di Bing:

Bing Chart

Analisi delle ricerche su Bing

  1. Michael Jackson
  2. Twitter
  3. Swine Flu
  4. Stock Market
  5. Farrah Fawcett
  6. Patrick Swayze
  7. Cash for Clunkers
  8. Jon and Kate Gosselin
  9. Billy Mays
  10. Jaycee Dugard


Di seguito la Top 10 del 2009 secondo Yahoo:

Yahoo Chart

Analisi delle ricerche su Yahoo!

  1. Michael Jackson
  2. Twilight
  3. WWE
  4. Megan Fox
  5. Britney Spears
  6. Naruto
  7. American Idol
  8. Kim Kardashian
  9. NASCAR
  10. Runescape


La mia personale analisi dei risultati:

1. I “Googlers” sono più attenti alle novità rispetto a quelli di Yahoo e di Bing (o come minimo più attenti alle novità tecnologiche). Questa analisi è ulteriormente suffragata dalla lettura dell’articolo Bing Users 50% More Likely to Click on an Ad.

2. Gli utenti di Yahoo sono più giovani (Kim KardashianMegan Fox, American Idol e Britney Spears nella Top 10)

3. Gli utenti di Bing sono probabilmente americani di mezza età che si evince dalla tipologia di ricerche effettuate e dal fatto che usino Bing attraverso un sistema operativo Windows (come illustrato dalla presenza nei risultati di Billy Mays, Stock Market e Swine Flu).

4. Stephanie Meyer, autore di Twilight, è un vincitore.

5. Twitter è IL VINCITORE ASSOLUTO!

6. I Social media ed il real-time web avranno un grande 2010 (Socialized PR ha postato questo interessante articolo sulla previsioni dei trend nei social media trends per il 2010).

7. E’ interessante la vera e propria ossessione della gente per le celebrità morte, anzi forse qualcuno dovrebbe pensare di aprire una sorta di catena di ristoranti tipo un Planet Hollywood perCelebrità Defunte.

E ora tocca a voi…

Go to Top