Pokemon

Sapevo che sarebbe finita così: Pokemon Parte 1

0

Era evidente che sarebbe finita così! Il guaio è che rimango un quarantenne con la testa di un ragazzino di 16-18 anni ma la capacità di spesa di un adulto!!! Qualche tempo fa vi raccontavo di come il mondo dei Pokemon e dei tornei ad esso legati fosse interessante e divertente soprattutto per l’ambiente che intorno ci gira.

Tutto inizia quando entri in una delle Leghe Pokemon che esistono nelle varie città. Incominci a conoscere un sacco di gente appassionata sull’argomento che piano piano ti contagiano. Scopri il mondo dei tornei nazionali ed internazionali che annualmente vengono organizzati. Scopri che per poter giocare ad un certo livello devi avere un mazzo di un certo tipo. E soprattutto scopri che dietro alle carte Pokemon c’è un giro d’affari davvero notevole. E’ interessante pensare che Nintendo ha sempre tenuto il business delle carte Pokemon interno e non l’ha mai dato ad aziende esterne.

La mia mente malata sta seriamente pensando di analizzare seriamente se la ditribuzione statistica delle carte all’interno delle bustine Pokemon che vengono vendute nelle edicole piuttosto che nei vari negozi di giocattoli ha dei pattern ricorrenti. Ho già dato un’occhiata su internet ed ho scoperto di non essere l’unico malato a pensarla così oltre ad aver già trovato alcuni studi.

Prossimamente vedrò di pubblicare qualche link.

Quello che vorrei capire in maniera chiara è se comprando un certo numero di bustine si riesce a rientrare dell’investimento in maniera quasi certa. A pancia la risposta è si (soprattutto vedendo quello che accade alcuni sabato pomeriggio quando il numero di carte scambiate e vendute è davvero notevole)

Vi terrò informati

Sono entrato nel tunnel dei Pokemon!!!!

1

Sono ormai un pò di mesi che il mio figliolo è entrato nel tunnel delle carte Pokemon. In generale lui è un appassionato di tutti i tipi di giochi di carte: da quelli più tradizionali (e qui è il nonno a farla da padrone insegnandogli Scala Quaranta e Scopa) ai giochi più tradizionali da bambini e rilanciati da serie di cartoni animati quindi i vari Yu-Gi-Oh! e, soprattutto, Pokemon!

Inizialmente non conoscendo le regole del gioco il nostro modo di giocare era estremamente naif, usavamo il miglior attacco ed i punti vita di ciascun Pokemon, utilizzavamo un numero casuale di carte ed il primo che finiva il proprio mazzo aveva perso.

Nessuna carta energia per abilitare gli attacchi, nessuna abilità speciale, nessuna serie bannata.

Una sera girando su internet ho scoperto l’esistenza di una Lega Pokemon a Torino. Il mattino seguente ne ho subito parlato con lui e ci siamo messi d’accordo che il sabato seguente saremmo andati a curiosare per capirci qualcosa in più.

E finalmente arrivò il famoso sabato: io e lui felici e contenti siamo andati al Centro Gioco Educativo di corso Ferrucci a Torino, sede ufficiale della Lega Star Pikachu.

Il caso volle che quel sabato fosse una delle giornate dedicate ai tornei. Il caos trovato non era da me immaginabile ma fummo comunque accolti con grande calore da alcuni degli organizzatori fra cui Gianluca e Giancarlo, Dopo qualche minuto di panico assoluto mi sembrò di essere come a casa con un sacco di  bambini, ragazzi ed adulti con un unico interesse comune: i Pokemon!

Di sabati ormai ne sono passati tanti e devo dire che non pensavo di trovare un ambiente così divertente ed aperto. Il guaio vero è che mi sto appassionando anch’io e non poco! Vedremo un pò come andrà a finire!

 

Go to Top