Fonte: DavideMaggio

All Music Logo

All Music Logo

Corrono tempi bui per le tv musicali italiane e la soluzione non pare essere dietro l’angolo.

Se Mtv, come sappiamo, non rinnoverà i contratti a tempo determinato in scadenza, suscitando le ire dei propri (ex) dipendenti appoggiati dai volti di punta dell’emittente, anche la concorrente All Music non se la passa propriamente bene. La tv musicale del gruppo L’Espresso è a rischio chiusura dallo scorso aprile a causa della crisi economica che sta attraversando piccoli e grandi gruppi industriali, anche se, secondo i 29 lavoratori licenziati, il problema è da ricercarsi nella cattiva gestione del budget da parte dei manager del gruppo.

Intanto, vista la chiusura delle attività di produzione interna, l’emittente sembrerebbe intenzionata, dal prossimo settembre, a cambiare nome e di conseguenza programmazione. Il nome scelto, tutt’altro che casuale, è Deejay Tv, che sembrerebbe voler far breccia nel cuore degli affezionati radioascoltatori dell’emittente, cavalcando l’onda del successo di Deejay Chiama Italia.

La programmazione del nuovo canale potrebbe prendere spunto dall’attuale Deejay Tv, disponibile sul satellite, che a sua volta cambierebbe il proprio nome in My Deejay Tv. La rinnovata All Music, secondo alcuni rumors circolati durante la presentazione dei risultati semestrali del gruppo, sarebbe diretta da Linus, direttore dell’omonima radio, che probabilmente trasporterà in tv alcuni dei programmi di punta della famosa radio italiana.

Potremmo, per questo motivo, ritrovare il già citato Deejay Chiama Italia, condotto dal pluridirettore Linus e da Nicola Savino, e forse anche il demenziale “Chiamate Roma triuno triuno” condotto dal Trio Medusa.

La futura All Music sembrerebbe, quindi, pronta a diventare più bella e completa dell’odierna, il cui palinsesto è composto soprattutto da televendite e rotazione musicale. Per raggiungere l’obiettivo, però, la tv italiana e 29 lavoratori perderanno, rispettivamente, un brand storico e il posto di lavoro.